Parassiti e Infestazioni riconoscerli sintomi e cura: Il Moscerino del substrato

IL Moscerino del Substrato

 

 

Questo insetto non risulta devastante ma è sempre buona norma sapere controllarlo e potersi difendere, si presenta nelle coltivazioni indoor e bisogna fare attenzione soprattutto in idroponica perché ama umidità ed acqua.

 

Come riconoscere il Moscerino del substrato?

 

Il Moscerino del substrato nome scientifico Sciridae ha molte denominazioni comuni: Moscerino Nero, Moscerino del terriccio o Moscerino dei Funghi. Il Moscerino del substrato allo stadio di larva ha una misura di circa 4mm testa nera e colore traslucido. Crescendo l’ adulto sviluppa le ali e colorati nero e grigio misurano dai 2 ai 4 millimetri ed hanno zampette sottili e lunghe.

 

Il Ciclo vitale:

Dopo la fecondazione eterosessuale il Moscerino del substrato depone un paio di centinaia di uova nel terreno, le uova si schiudono dopo 3 giorni e danno alla luce la larva che si nutre nel terreno. Dopo circa 20 giorni le larve formano il bozzolo e a seguito della metamorfosi si trasformano in insetti alati. Potrai individuarli nella parte più bassa della pianta vicino al substrato, si nutrono di funghi e materiale in decomposizione.

 

 

Come Individuare il Moscerino del Substrato?

 

Essendo amante degli ambienti umidi troverai facilmente il Moscerino del substrato nella parte inferiore della pianta nella zona “bagnata”.

 

Che danni comporta il Moscerino del substrato?

 

Nello stadio di larva questo parassita di nutre delle radici capillari, danneggiando quelle principali, questo comporta diminuzione del Vigore delle piante e rallentamento del metabolismo. Da aggiungere che a causa del danneggiamento delle radici le stesse sono soggette ad attacco da parte di fughi come il Fusarium, soprattutto in presenza di substrati molto umidi o bagnati. In generale il Moscerino non danneggia molto le piante grandi ma è pericoloso per le giovani piantine.

Meglio comunque non prendere alla leggera questo insetto nonostante sia meno dannoso di altri, perché lasciare propagare un parassita non può mai portare beneficio.

 

Come Individuare il moscerino del substrato?

 

  • Se utilizzi delle trappole adesive, lo noterai subito perché volando rimarrà intrappolato.
  • Potrai notarli che volano intorno alle piante.
  • Ad infestazione avanzata noterai un minore vigore della pianta e foglie pallide.
  • Potresti trovare alcuni moscerini attaccati ai germogli, così come nelle trappole adesive.
  • Potrebbero presentarsi infezioni da fungo nelle radici.

 

 

Come prevenire il moscerino del substrato? 

 

  • Non dare troppa acqua in modo che non ci siano ristagni.
  • Controlla i parametri di umidità e mantienili corretti ( da 40 a 55%)
  • Forma uno strato superficiale di vermiculite che ne rende difficile la deposizione delle uova.
  • Inserisci delle trappole adesive cromotropiche ( a colori vivaci Giallo e Blu)
  • Nebulizza Olio di Neem anche sul substrato.

 

 

Come intervenire in caso di infestazione?

 

  • Utilizza Farina di Neem stendendo uno strato uniforme dopo avere innaffiato.
  • Inserisci degli insetti antagonisti predatori come Hypoaspis geolalepumites

 

AntiparassitariColtivazioneCuraInfestazioneInfestazioniInsettiMoscerinoMoscerino del substratoOlio di neemParassitiPrevenzioneRimediRimedioSalute della pianta