Parassiti e Infestazioni riconoscerli sintomi e cura: Il Ragnetto Rosso

IL Ragnetto Rosso

 

Temutissimo e purtroppo molto comune il ragnetto rosso è una catastrofe da evitare. Si possono trovare sia Indoor che Outdoor ed è necessario eliminarli, pena la perdita del raccolto!

 

 

Come Riconoscere il Ragnetto Rosso?

 

Il Ragnetto Rosso è molto piccolo e difficile da vedere a prima vista, anche se facendo attenzione, complice il colore, e cercando soprattutto sotto le foglie potrai scovarli. Tra i segnali di attacco dei Ragnetti Rossi potrai vedere la presenza di macchie gialle o traslucide sulle foglie, traccia che lasciano nutrendosi aspirando i fluidi dalla pianta.

Per accertarti dell’ infestazione, una volta visti i primi segnali, spruzza un poco di acqua tiepida sotto le foglie ed evidenzierai le ragnatele. Il colore del Ragnetto Rosso, non è necessariamente quello del suo nome, essendo anche giallo biancastro o con macchie marroni e le uova sono traslucide. Il Ragnetto Rosso si nutre della linfa e si presenta soprattutto con le alte temperature, alle quali si riproduce più velocemente.

Danneggia seriamente le piante perché nutrendosi ne rallenta le funzioni metaboliche indebolendole, in funzione della misura dell’ infestazione il danno potrà essere di lieve o enorme entità dato che può portare alla morte.

Con infestazione in corso le foglie diventano gialle e successivamente cadono.

Il Ragnetto Rosso diventa devastante nelle coltivazioni Indoor perché sono prive dei loro predatori naturali e consentono uno sviluppo sereno del parassita.

 

PREVENZIONE:

 

Tieni Pulito l’ ambiente, cerca di disinfettare costantemente anche gli strumenti che utilizzi, così come i tuoi vestiti in modo da evitare di portare all’ interno questi parassiti.

 

Controlla il clima del tuo ambiente, in particolare il valore di umidità relativa e temperatura che dovrebbero essere sempre con parametri adeguati:

Temperatura 20°/26°

Umidità 50/60%

 

Introdurre in modo preventivo degli insetti antagonisti tipo Neoseiulus, un Acaro che si nutre del Ragnetto Rosso e non è nocivo per la tua pianta, posizionali su ogni pianta perché non hanno una mobilità elevata e quando l’ infestazione è in corso ricorda che hanno una capacità di neutralizzazione del Ragnetto Rosso di circa 20 uova o 5 adulti, quindi dosali in modo opportuno.

 

 

 

INTERVENTO:

 

Se il tuo cultivo è sotto attacco del Ragnetto Rosso devi cercare di procedere in questo modo:

 

Pulisci tutto in modo approfondito

Allontana le piante infette

Togli le foglie che presentano sintomi di attacco almeno sulla metà della superficie

Stai attendo a non diffondere l’ infezione con le mani, quindi non toccare parti sane o soggetti sani dopo che hai toccato parti infestate.

Riduci la temperatura a 16° rendendo l’ ambiente ostile al parassita.

Spruzza acqua fredda sulle piante per rimuovere fisicamente i Ragnetti.

Se il problema non è ancora diffuso puoi toglierli a mano con una spugna ( e poi gettala).

Spruzza Olio di Neem

Utilizza Sapone Potassico oppure olio di piretro.

AntiparassitariColtivazioneCuraInfestazioneInfestazioniInsettiOlio di neemParassitiPrevenzionePuliziaRagno rossoRimediRimedioSalute della pianta